Caso Porta Ovest a Salerno, avviate procedure licenziamento per 50 dipendenti

Caso Porta Ovest a Salerno.

La Italsud, l’azienda che rifornisce il calcestruzzo al cantiere di Porta Ovest a Salerno, ha avviato le procedure di licenziamento per tutti i suoi 50 dipendenti.

La mancata riscossione di crediti per circa 3 milioni di euro, vantati nei confronti della Tecnis, l’impresa siciliana che si è aggiudicata l’appalto per realizzare le gallerie di Porta Ovest, ha spinto la Italsud, ad avviare le procedure di licenziamento per i suoi dipendenti.

A farne le spese quindi 28 operai che lavorano nella cava del Cernicchiara, 17 nell’impianto di calcestruzzo, 3 tecnici e 2 amministrativi.

Patrizia Spinelli della Feneal Uil ha chiesto “un incontro urgente con il commissario del porto di Salerno, Francesco Messineo, e il presidente dell’autorità Pietro Spirito, nonché con il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli e il responsabile tecnico del cantiere Giovanni Micillo, oltre, al commissario Tecnis, Saverio Ruperto, per scongiurare i licenziamenti”

Ascolta l’intervista a Patrizia Spinelli realizzata da Lorenzo Peluso
Patrizia Spinelli porta ovest

Lascia un Commento