CASO CLAPS – Elisa fu accoltellata e soffocata

Si apprendono alcuni dettagli dei risultati dell’autopsia eseguita sul corpo di Elisa Claps, trovato lo scorso 17 marzo nel sottotetto della chiesa della Santissima Trinità di Potenza a 17 anni dalla scomparsa. Elisa sarebbe stata colpita più volte al torace con un coltello e poi finita per soffocamento probabilmente per un tentativo di violenza sessuale. Secondo fonti qualificate vicine alla Procura di Salerno, sarebbe la conclusione alla quale è giunto l’anatomo-patologo Francesco Introna, che ha eseguito l’autopsia sul cadavere di Elisa, tuttora secretata. Gli investigatori ritengono che il delitto sia avvenuto il girono stesso della scomparsa, il 12 settembre 1993, quando la ragazza aveva 16 anni. Per l’omicidio di Elisa Claps vi è un unico indagato, Danilo Restivo, che quella domenica di settembre del ’93, per sua stessa ammissione, incontro’ Elisa proprio nella chiesa della Trinità. Restivo si è sempre detto innocente riguardo alla scomparsa e alla morte della ragazza: da tempo l’uomo (che oggi ha 38 anni) vive in Inghilterra, dove è stato coinvolto nelle indagini per un altro omicidio (avvenuto il 12 novembre 2002), quello della sarta Heather Barnett, che viveva nei pressi della sua abitazione.

Lascia un Commento