Caselle in Pittari: Maltrattamenti ai bimbi, nuovi particolari

Erano state installate lo scorso 29 aprile dai carabinieri le cinque telecamere all’interno delle aule della scuola elementare di Caselle In Pittari, in provincia di Salerno, per raccogliere le prove di quanto i genitori di alcuni alunni avevano raccontato ai carabinieri circa i maltrattamenti  subiti dai loro figli.

Le indagini sono scaturite dalla decisione di una coppia di genitori di parlare con altri genitori e verificare se quello che era capitato al loro bimbo fosse successo anche ad altri alunni, ovvero di tornare a casa con lividi sul corpo e di avere paura di seguire le lezioni. Così si scopre che il caso non è isolato. Da qui le indagini che ieri hanno portato all’arresto ai domiciliari di una insegnante, di 55 anni, e alla denuncia con sospensione dall’insegnamento di un’altra docente, di 59 anni. Entrambe, conosciute e stimate a Caselle in Pittari, ora sono sospese dal servizio, in attesa che il procedimento giudiziario faccia il suo corso e accerti se quei metodi d'insegnamento possano essere ritenuti corretti. Nella dirigente scolastica i carabinieri della Compagnia di Sapri hanno trovato la massima collaborazione.

Lascia un Commento