Capodanno in piazza a Salerno, in 40mila per Gazzè e Clementino. Il sindaco “abbiamo vinto”

40mila persone per il Capodanno in piazza Amendola a Salerno per cantare e ballare sulle note di Max Gazzè e Clementino. A seguire il conto alla rovescia per la mezzanotte, i brindisi e i suggestivi fuochi d’artificio.

“Una serata di festa ed allegria nella  quale Clementino e Max Gazzè sono riusciti a riscaldarci nonostante il freddo gelido. Un saluto alle persone sole, malate ed in difficoltà che Salerno non dimentica e continua ad aiutare ogni giorno. Salerno ancora una volta ha vinto: città accogliente, bella, capace di fare festa nel rispetto del vivere civile. Continuate a godervi tutti la città e le magnifiche Luci d’Artista”. Ci lasciamo alle spalle le cose brutte del 2018 accogliendo un 2019 radioso e pieno di soddisfazioni” questo l’augurio dal palco del sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli.

Tempestivo l’intervento dei servizi di pulizia ed igiene urbana che hanno immediatamente ripulito le strade dopo il Brindisi di Mezzanotte.

A Salerno nessun ferito causato dai botti. E’ stato registrato qualche piccolo incidente. Due barche, ormeggiate nel porticciolo di Pastena, sono state distrutte da un incendio. Ancora non si conoscono le cause ma non si esclude che possa essere stato causato dall’esplosione di alcuni botti di capodanno.

Momenti di tensione invece nel pomeriggio del 31 dicembre nei pressi della galleria “Expert” sul corso Vittorio Emanuele dove un albero di Natale è andato in fiamme probabilmente a causa di un corto circuito.

Lascia un Commento