Capaccio Scalo (SA) – Con la Befana 2013 arriva un museo dedicato alla mitica Lambretta

Un viaggio attraverso cinquant’anni e più di storia del motoveicolo per antonomasia di una certa Italia che stava per essere invasa dal “boom” economico, ma che ha fatto innamorare anche tantissimi stranieri per la sua linea sportiva e lo stile inconfondibile. Stiamo parlando della lambretta. Il prossimo 6 gennaio, in occasione dell’anniversario della storica festa della “Befana del Vigile”, verrà inaugurato a Capaccio Scalo il museo “Lambretta Club Salerno”.
La struttura, dedicata allo storico lambrettista capaccese Emilio Quaglia, nasce dall’idea di un gruppo di amici e appassionati, tra cui l’ingegnere Gianpiero Cola (nella foto) che già alla fine degli anni novanta aveva iniziato a collezionare pezzi d’epoca, tra cui tutti i modelli della produzione Innocenti, l’archivio storico della Commissionaria Innocenti di Guido Iannone a Salerno ed accessori vari, oltre ad immagini del raduno nazionale svoltosi nel ’60 sempre a Salerno. All’interno del museo, oltre ai citati pezzi della collezione di Cola, potrà essere ammirata, ad esempio, tutta la produzione Innocenti fino alla fine degli anni settanta. Oltre cinquanta le lambrette in esposizione.

Lascia un Commento