Capaccio Paestum, progetto per ridurre gli sprechi alimentari in favore dei più bisognosi

Contenimento degli sprechi alimentari in favore dei più bisognosi.

E’ l’obiettivo del progetto ‘Le formichine salvacibo di Capaccio Paestum’, promosso dall’Amministrazione comunale che punta al contenimento degli sprechi alimentari domestici e di aziende agricole, agriturismi, ristoranti ed attività commerciali, destinando le eccedenze e i prodotti invenduti direttamente ai più bisognosi, anche con l’allestimento di sale mense.

Il progetto ammonta a 110mila euro e verrà candidato nell’ambito del bando per il finanziamento di progetti innovativi indetto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, che ha stanziato complessivi 500mila euro.

La somma pubblica massima ottenibile è pari a 50mila euro, e tra i partner che affiancheranno l’ente comunale vi sono la sezione della Caritas di Capaccio Paestum, l’oratorio di San Vito e l’Associazione ‘La Resilienza’, i cui obiettivi socio-solidali, promossi attraverso attività ed opere di beneficenza, si sposano con i propositi del progetto. Con il progetto si punta a ridurre il conferimento di rifiuti organici in discarica e quindi nell’ambiente.

Il servizio, infatti, prevede anche: il ritiro dei prodotti donati direttamente presso le attività tramite furgoni refrigerati, la selezione delle derrate alimentari, il confezionamento dei panieri e consegna a domicilio presso le famiglie bisognose.

Lascia un Commento