Capaccio Paestum, parte la campagna contro il turismo in nero

Nella giornata di ieri, la Polizia Municipale e l’Ufficio Tributi, con la regia dell’ Istituzione Poseidonia, la partecipata a cui l’Amministrazione Comunale ha affidato l’introito della tassa di soggiorno, hanno sottoscritto un accordo di programma per la immediata partenza di una campagna d’azione e di sensibilizzazione per  contrastare la ricettività non autorizzata .

Un primo step che prevede immediatamente un doppio binario quello immaginato dall’amministrazione Palumbo  per effettuare, da un lato, una ricognizione effettiva di tutte le strutture ricettive esistenti ed autorizzate e, dall’altro, per accertare con l’ausilio di altre forze di polizia evasioni ed irregolarità.

Alla fine della campagna una mappa di geocalizzazione mostrerà ai turisti, ai cittadini e ai tour operator, una cartina con  le uniche strutture ricettive da cui attendersi una ricettività di qualità e i servizi adeguati. Solo a queste ultime, infatti, in un secondo step della campagna verrà riconosciuto il marchio di qualità “Costa Paestum” per accedere ad innumerevoli opportunità e vantaggi.

Lascia un Commento