Capaccio Paestum e Palmira unite da un patto di gemellaggio e scambio culturale

E’ stato siglato ieri pomeriggio a Paestum, nell’ambito della XXI edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, il gemellaggio tra i due siti archeologici di Paestum e Palmira in Siria, entrambi inseriti nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.

I due comuni sono legati da anni da un profondo legame di amicizia. A suggellare il patto sono stati Franco Palumbo sindaco di Capaccio Paestum e Homs Talal Barazi governatore di Palmira.

È stata inoltre concessa la cittadinanza onoraria a Mohamad Saleh, nella sua qualità di ultimo direttore del Dipartimento Turismo di Palmira per l’impegno profuso nella tutela e difesa del sito archeologico di Palmira che, dopo i pesanti danneggiamenti causati dall’ISIS, riaprirà ai turisti nel 2019, e per il costante impegno profuso nelle numerose iniziative istituzionali che hanno garantito relazioni diplomatiche internazionali tra il Comune di Capaccio Paestum e la Città di Palmira, e per il determinante ed efficace ruolo avuto nella stipula del gemellaggio tra le due città.

Lascia un Commento