Capaccio – Il Comune ha trovato casa alla famiglia che viveva in auto

Hanno trovato casa grazie all’interessamento del Comune di Capaccio-Paestum le tre persone, padre, madre e figlio, che rimasti senza un tetto vivevano nella loro auto pur percependo sussidi di invalidità, a causa delle loro gravi condizioni di salute che non gli consentono di lavorare. Nella seconda settimana di settembre la famiglia De Luca ha effettuato regolare contratto di locazione per un’abitazione a Capaccio capoluogo, grazie all’interessamento dell’assessore alle Politiche sociali Rossana Barretta e di un agente immobiliare.
Lo stesso assessore ha spiegato che la famiglia De Luca, dopo aver preso possesso dell’alloggio, ha deciso di trasferirsi momentaneamente in un’altra località in attesa che venisse attaccata la corrente elettrica. Nel frattempo l’assessore Barretta si è adoperata anche per recuperare dei mobili per rendere vivibile la casa. Sarà risolto anche il problema della sosta della loro auto, una Fiat 500, nel quartiere in cui hanno trovato casa. Per gli spostamenti dipendono molto dall’auto. In una intervista rilasciata al quotidiano La Città, il capo famiglia, Alessio De Luca, di 57 anni, ha raccontato di essere stati sistematicamente discriminati in quanto invalidi. “Quando alcuni proprietari di appartamento si rendevano conto dei nostri problemi di salute – racconta De Luca – trovavano mille scuse per dirci che, improvvisamente, la casa non era più disponibile”

Lascia un Commento