Canfora sulla caduta massi a Camerota “in corso interventi, le Province sono state rapinate”

Il presidente della Provincia di Salerno, Giuseppe Canfora, interviene su quanto accaduto domenica mattina a Marina di Camerota quando un pezzo di costone roccioso si è staccato dalla parete che sovrasta una delle aree non accessibili a ridosso della strada regionale 562 che costeggia la Cala del Cefalo e la spiaggia del Mingardo.

Canfora ha ricordato che “per fortuna l’anno scorso, di comune accordo con la Procura di Vallo della Lucania, furono chiusi, per motivi di sicurezza, tutti i parcheggi che da anni servivano i lidi situati lungo la spiaggia del Mingardo”. Canfora ha ricordato anche che sono stati programmati una serie di interventi per la messa in sicurezza del costone.

E’ stato già realizzato un intervento per circa 70 mila euro e un altro è stato programmato per un importo di 90 mila euro, già aggiudicato per la difesa della strada dalle mareggiate.

“Tutto questo, nonostante una catastrofe economica e finanziaria determinata da una legge approssimativa sulla riforma delle Province e dalla legge di stabilità del 2014. Una rapina autentica nei confronti delle Province, a cui sono state sottratte risorse per milioni e milioni di euro” così Canfora

Lascia un Commento