CAMPANIA – Scuola, per i sindacati gravi le conseguenze di 4mila tagli

“I 4mila posti in meno tra docenti e personale Ata nelle scuole della Campania dal primo settembre prossimo violeranno le norme sulla sicurezza, sulla formazione delle classi e il rispetto dell’orario di lavoro previsto dal contratto”. E’ quanto scrivono in una lettera inviata al ministro dell’Istruzione i segretari regionali della Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda che chiedono all’amministrazione scolastica il rispetto delle leggi dello Stato. I sindacati campani chiedono urgenti modifiche alle tabelle degli organici e di assegnare ulteriori e significative risorse alla scuola campana. Rosalba Visone della Cisl ricorda che il terzo anno di tagli indiscriminati agli organici rende praticamente impossibile la realizzazione del diritto allo studio e limita quello alla stabilizzazione del lavoro. I sindacati precisano che i 17mila posti tagliati nelle scuole statali nel triennio sono completamente incompatibili con il normale funzionamento della scuola.

Lascia un Commento