CAMPANIA – Sanità, registro tumori. Per la Petrone è un altro duro colpo

Il vice presidente della Commissione Sanità del Consiglio Regionale della Campania, Anna Petrone, intervenendo sulla vicenda del registro tumori che il governo vorrebbe abolire, afferma che si tratta di un altro duro colpo alla Sanità campana. “Roma controlla tutti i nostri atti e in nome del Piano di rientro dal disavanzo sanitario – afferma Petrone – puntualmente boccia anche leggi di fondamentale importanza per la comunità campana, come il Registro Tumori”. “Se non possiamo fare nulla andiamocene a casa, come politici facciamo più bella figura”, aggiunge Petrone.

Il vice presidente della Commissione sanità ricorda che la legge che istituisce il registro tumori in Campania studia il rapporto inquinamento-tumori. “E’ una ricerca-monitoraggio indispensabile per ridurre il tasso di mortalità”. Secondo il consigliere regionale bisogna lavorare da subito sugli articoli contestati dal Consiglio dei Ministri

Lascia un Commento