CAMPANIA – Sanità privata a confronto con Morlacco, risolta una sola questione

Positiva solo a metà la riunione di ieri alla Regione Campania dei rappresentanti delle aziende sanitarie private e centri di riabilitazioni convenzionati con il commissario alla sanità Morlacco. Sul tavolo della discussione la mancata sottoscrizione dei contratti relativi alle prestazioni riabilitative e socio-sanitarie 2012 e la questione della compartecipazione alla spesa per i servizi socio-assistenziali.
La notizia positiva è che Morlacco ha accettato le richieste delle aziende sulle modalità di pagamento che passeranno dagli attuali 150 a 90 giorni. Le aziende sanitarie private di tutta la Campania firmeranno i contratti per le prestazioni del 2012 non appena sarà emanato un apposito decreto e così torneranno alla normalità le prestazioni specialistiche e di riabilitazione.
Rimane senza soluzione invece l’altra questione della compartecipazione alla spesa che da maggio scorso spetta per il 50% alle Asl e per l’altra metà ai Comuni. E proprio su questa problematica Antonio Gambardella, coordinatore regionale dell’Aspat (associazione che rappresenta 200 aziende in tutta la regione), ha duramente stigmatizzato il comportamento di un dirigente dell’assessorato alle Politiche sociali che ha abbandonato la riunione.

Lascia un Commento