CAMPANIA – Sanità, per Paolo Romano il 30% dei dipendenti è inabile al lavoro

Il 30% dei dipendenti della sanità pubblica in Campania risulterebbe inabile al lavoro per il quale è stato assunto: infermieri che non possono fare turni di notte e medici che per inabilità varie non possono entrare in sala operatoria. Il dato è stato reso noto dal presidente del Consiglio regionale, Paolo Romano, secondo cui la sanità campana funziona male, nonostante le ingenti spese, perché in passato è stata usata come ammortizzatore sociale e come strumento di clientelismo. Sul tema delle inchieste giudiziarie che hanno coinvolto alcuni consiglieri regionali Romano ha detto che “il Consiglio regionale si sta ponendo in maniera ineccepibile”. Per quanto concerne il caso di Alberico Gambino, si attende il dispositivo della Presidenza del Consiglio dei Ministri e, se sarà necessario, il consiglio regionale, spiega Romano, adotterà subito gli atti consequenziali.

Lascia un Commento