CAMPANIA – Sanità, per la Cisl situazione disastrosa. Le cifre dell’emergenza

In un lungo dossier di 94 pagine, la Cisl Campania elenca tutte le criticità della sanità campana. Si parte dai posti letto: sono circa 2.400 i posti di emergenza tagliati, ma dei circa 1.000 posti per la riabilitazione e la lungodegenza nemmeno l’ombra. La media nazionale è di 4 posti ogni mille abitanti, in Campania sono 3,4 con punte di 1 ogni mille nelle Asl Napoli 2 e 3.
Tanti i ricoveri impropri in reparti per acuti di pazienti che dovrebbero essere curati in Day Hospital, con assistenza domiciliare o in strutture di lungodegenza o riabilitazione. Il danno economico, secondo la Cisl campana è enorme: una giornata di ricovero in acuto costa 700 euro, una in riabilitazione circa 250, l’assistenza domiciliare circa 100 euro al giorno. E, secondo i conti della Cisl, sono oltre 140mila i ricoveri impropri all’anno, circa il 12%. E poi il problema del personale: negli ultimi 3 anni in Campania c’é stata una riduzione del 20%. Sempre molto lunghe le liste di attesa.

Lascia un Commento