CAMPANIA – Sanità, confermato il blocco della mobilità del personale medico e paramedico

Le procedure di mobilità del personale medico e paramedico nell’ambito delle Asl campane sono sospese fino al prossimo 30 giugno. Tutte quelle operazioni effettuate nel frattempo devono ritenersi inefficaci e se ci sono stati dei trasferimenti si devono considerare procrastinati a quella data. E’ quanto precisa la struttura commissariale sanitaria regionale guidata dal sub commissario Morlacco il quale ha disposto la sospensione immediata, fino al 30 giugno, delle procedure di mobilità avviate dall’ASL Salerno e dirette a reclutare personale proveniente da altre Strutture Sanitarie Regionali.

L’atto è stato già recepito dai vertici dell’ASL Salerno e comunicato nei suoi contenuti ai propri dipendenti. Si dichiara soddisfatto della decisione il consigliere regionale salernitano del Pdl, Giovanni Baldi, secondo il quale si pone così la parola fine alla lunga disputa sulla salvaguardare dei livelli occupazionali e di conseguenza di funzionalità dell’Ospedale Maria SS. Incoronata dell’Olmo di Cava de’ Tirreni. “L’emergenza, afferma Baldi, in presenza di una serie di trasferimenti in atto verso altre strutture sanitarie è ora finalmente scongiurata”.

Lascia un Commento