CAMPANIA – Sanità, Caldoro: nel 2012 fuori dal piano di rientro

Nel 2012 la sanità della Campania raggiungerà il pareggio di bilancio per cui sarà fuori dal piano di rientro: lo ha annunciato il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, nel corso di un’audizione in Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori in campo sanitario. Dal 2006 al 2011 la regione, ha spiegato il governatore, “ha ridotto i suoi costi, arrivando nel 2010, anno in cui è iniziato il risanamento, a 496 milioni di euro e a 260 nel 2011, facendo segnare le migliori perfomance nella sanità in Italia”. Caldoro riconosce che il commissariamento si è fatto sentire negativamente in termini di sostenibilità finanziaria e sui livelli essenziali di assistenza. Il vero problema al momento, ha avvertito il governatore, é che la Campania spende meno di tutte le altre regioni, avendo però anche meno rispetto al quadro nazionale, con un valore inferiore ai 60 euro procapite. Sul sistema sanitario regionale pesa anche il blocco del turn over in atto ormai da 3 anni che ha prodotto la mancanza di 7mila addetti rispetto alla media nazionale. Caldoro ha quindi sollecitato i componenti della Commissione parlamentare un sblocco, almeno parziale.

Lascia un Commento