CAMPANIA – Rifiuti, stop alla provincializzazione. Passa la legge

La provincializzazione dei rifiuti in Campania subisce uno stop in Consiglio regionale. Ieri, è stata approvata a maggioranza la norma che di fatto deroga il principio della provincializzazione. La giunta regionale potrà adottare una procedura di deroga alla gestione provinciale dei rifiuti, nel caso in cui il piano d’ambito di una Provincia non riesca a garantire il pieno rispetto del principio dell’autosufficienza per fondate e comprovate ragioni. Se entro i 45 giorni successivi all’adozione della delibera della giunta regionale, le altre province non dovessero trovare l’intesa, scatterebbero i poteri sostitutivi previsti dalla legge in capo al presidente della giunta regionale. Di fatto con la nuova norma da un lato si responsabilizzano maggiormente le province prevedendo per loro forme di compensazione, dall’altro qualora queste non riescano a mettersi d’accordo si prevede l’intervento risolutorio della Regione. In buona sostanza sì è messo per iscritto e con legge ciò che fino ad oggi è avvenuto sulla scorta delle intese istituzionali tra province quando, in determinate circostanze, e mossi dal principio della solidarietà, le province hanno deciso di accogliere i rifiuti provenienti da un’altra provincia in difficoltà. La norma avrà durata transitoria, il tempo necessario, stimato in 5-6 mesi, perché il piano rifiuti della giunta arrivi in Consiglio regionale per l’approvazione.

Lascia un Commento