CAMPANIA – Rifiuti, Romano: «Nostri rifiuti sono “speciali”». L’11 gennaio la sentenza del CdS

«Riteniamo di avere le carte in regola perché abbiamo dimostrato che i rifiuti prodotti dal circuito industriale della Campania sono rifiuti che hanno modificato la loro natura e, quindi, possono essere qualificati come "speciali" a tutti gli effetti». Così l’assessore regionale all’Ambiente, Giovanni Romano, ha risposto ai cronisti che gli chiedevano se la Regione fosse preoccupata in merito alla decisione del Consiglio di Stato che si deve esprimere proprio sulla tipologia di rifiuto prodotto. La sentenza è attesa per l’11 gennaio prossimo e da essa dipenderà il destino dei rifiuti campani che se ritenuti ‘ordinari’ per essere portati fuori regione avranno bisogno del via libera delle Regioni ‘ospitanti’. Se invece ritenuti ‘speciali’ potranno viaggiare senza previo consenso. Da questa sentenza dipenderà anche il destino dei rifiuti prodotti nello Stir di Battipaglia. L’assessore Romano ha sottolineato che i rifiuti urbani campani sono «tutti tracciati e controllati da autorità pubbliche visto che – ha aggiunto – la Campania è tra le poche Regioni in cui il ciclo industrializzato dell’intera produzione di rifiuti è affidato a sette impianti a totale controllo pubblico».  

Lascia un Commento