CAMPANIA – Rifiuti. Orlando, eviteremo la multa

Il ministro dell’Ambiente Orlando oggi in Campania per sottoscrivere in prefettura a Caserta un protocollo per il recupero di vecchi pneumatici che finiscono per alimentare i roghi tossici, ha annunciato che la Commissione europea ha “riconosciuto i passi in avanti che sono stati fatti in un contesto molto difficile. Sono stati recuperati i ritardi di venti anni”. Secondo il ministro, l’Italia eviterà la multa ma bisogna lavorare ancora.
E il ministero dell’Ambiente conosce anche la grave situazione che stanno vivendo i Consorzi di Bacino operanti in Campania nella raccolta dei rifiuti. Per questo motivo ad inizio luglio si riunirà un tavolo tecnico che dovrà decidere le modifiche normative da apportare. Il Dicastero dell’Ambiente dovrà in particolare sciogliere i nodi del soggetto cui affidare la raccolta, se continuare con un ente pubblico o riaffidare il ciclo ai privati, e il destino dei lavoratori in esubero dai Consorzi. “Per loro – ha poi affermato l’assessore regionale all’Ambiente Giovanni Romano – è auspicabile il ricorso alle procedure di cassa integrazione”.
Sui termovalorizzatori l’assessore Romano ha concordato sull’opportunità di “fare una verifica del dimensionamento degli impianti. Il calo dei consumi e un aumento della differenziata – ha detto – sta causando una contrazione della quantità dei rifiuti. Noi dobbiamo solo sapere se è una situazione congiunturale o se si tratta di una tendenza consolidata”.

Lascia un Commento