CAMPANIA – Nuovi interventi di edilizia ospedaliera a Salerno

Ci sono diversi metodi per mettere d’accordo persone che, solitamente, hanno opinioni diverse, spesso in conflitto ed anche in maniera aspra. La prima è organizzare una bella cena ma, in questo caso, l’ipotesi è da scartare perché, anche se per ragioni diverse, entrambi i contendenti preferiscono un piatto veloce ad una lunga tavolata.
La seconda strategia è quella di cercare un comune interesse in maniera economica ed è qui che si può trovare un’intesa.
Il Governatore della Campania ed il Sindaco di Salerno vanno d’accordo quando da Palazzo di Città arriva una precisa richiesta di stanziamento di fondi e Napoli, puntualmente, la accoglie. E’ accaduto già in passato, accade oggi perché con la stipula del protocollo d’Intesa tra la Regione Campania e l’azienda Ospedaliera San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, la sanità salernitana avrà a disposizione un cospicuo tesoretto, ammontante a circa 150 milioni di euro, da destinare alle opere in materia di Edilizia Ospedaliera. Da qualche mese, con il discreto parere positivo del Manager Attilio Bianchi, il sindaco De Luca ha messo in campo una offensiva mediatica per arrivare a far comprendere a tutti la necessità di costruire un nuovo ospedale a Salerno. Una struttura in grado di rispondere alle nuove esigenze del territorio e della utenza. Il problema, ovviamente, era quello di trovare i fondi da utilizzare per un’opera importante che solo ed esclusivamente la Regione poteva finanziare.
Va chiarito a tutti che l’attuale sede dell’Ospedale di Salerno resterà in funzione fino a quando la nuova non sarà completata. E’ importante capire quale sarà il destino del nosocomio di Via San Leonardo. Qualcuno pensa ad una riconversione della struttura per ospitare uffici pubblici, come ad esempio la sede dell’ASL Unica, una volta entrata in vigore. Altri, invece, ipotizzano una radicale trasformazione dell’area.

tratto da www.agendapolitica.it

Lascia un Commento