Campania: La fine del matrimonio peggiora situazione per il 44% dei campani

La fine di un matrimonio peggiora la situazione economica a oltre il 44% dei campani i quali preferiscono continuare a vivere nell’abitazione coniugale, anche con l’ex pur di risparmiare. Inoltre fra coloro chi ha cercato di ottenere un nuovo mutuo, circa il 48% si è visto negare il finanziamento. E' quanto accade all'economia personale, e in particolare alla casa, con la fine di un matrimonio. Immobiliare.it ha commissionato a Demoskopea un'indagine ad hoc per capire come cambia la situazione degli ex coniugi dopo una separazione.

L’Istat intanto ha certificato che i divorzi sono in crescita  tra i quarantenni e i laureati. Separazioni in aumento al Sud e in coppie italiani-stranieri. Analizzando la distribuzione per età dei coniugi che si separano, l’Istat ha calcolato che “la classe più numerosa” è quella “tra i 40 e i 44 anni per le mogli”, mentre per i mariti quella tra i 45 e i 49 anni. In Campania si è passati da 70 a ben 270 separazioni per 1.000 matrimoni.

Lascia un Commento