CAMPANIA – Elezioni, su candidatura Cosentino, tensioni nel PDL

La candidatura, probabile ma non ancora ufficiale, dell’ex sottosegretario Nicola Cosentino è già un caso politico, dentro e fuori il Pdl. Costretto alle dimissioni dopo essere stato raggiunto da una richiesta di arresto per presunte collusioni col clan dei Casalesi, Cosentino è ancora una volta al centro dello scontro politico. Al momento sembra essere lui il nodo irrisolto che frena la composizione delle liste in Campania, una delle regioni ritenute decisive per la vittoria al Senato; sullo sfondo il lungo braccio di ferro con il governatore Stefano Caldoro che del rinnovamento nelle liste del Pdl ha fatto una battaglia politica chiedendo una riflessione sui singoli casi "per non creare difficoltà al volo comune". Ad oggi tutti gli indizi fanno credere che l’ex coordinatore campano del Pdl Cosentino sarà in lista al Senato.

Ma non c’é solo il caso Cosentino a tenere in sospeso la definizione delle liste in Campania: l’idea di Berlusconi di candidare il prete anticamorra don Luigi Merola non è tramontata. Dopo i due incontri avuti a Roma la settimana scorsa é previsto un ulteriore contatto in questi giorni anche se il parroco avrebbe posto delle condizioni.

Lascia un Commento