CAMPANIA – Elezioni, per la Carfagna Cosentino non è nè un trofeo nè un mostro

“Non si può fare di Cosentino né un trofeo né un mostro. Siamo garantisti, convinti che un cittadino sia innocente sino a sentenza definitiva e che le liste non può farle la magistratura”. Lo afferma Mara Carfagna, commissario provinciale del Pdl di Salerno, in un’intervista oggi al Mattino aggiungendo però che sul caso dell’ex sottosegretario “il partito non poteva non ascoltare l’opinione pubblica che chiede una classe dirigente al di sopra di ogni sospetto”.

Al Partito Democratico Carfagna risponde di fare attenzione a fare "le pulci" al Pdl: “Anche nel Pd ci sono persone con qualche problema con la giustizia. Come Rosaria Capacchione". In Campania Carfagna auspica l’uscita dalla gestione commissariale: “Dopo il voto, il partito deve affrontare un confronto anche duro ed esprimere un suo coordinatore. Un campano perché un commissario, chiunque sia, non potrà mai conoscere a fondo le dinamiche di partito e territorio. La composizione delle liste, non rispettosa degli equilibri esistenti, lo dimostra”.

Lascia un Commento