CAMPANIA – Editoria, aperto il tavolo di crisi

Si è aperto ieri alla Regione Campania il tavolo sulla crisi dell’editoria e dell’emittenza televisiva regionale: all’incontro, presieduto dall’assessore al Lavoro Severino Nappi, hanno partecipato il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Ottavio Lucarelli, un rappresentante del Corecom, alcuni sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil in rappresentanza di tecnici e operatori, e alcuni giornalisti ed editori televisivi della Campania. Tante le proposte avanzate nel corso della discussione. Per il giornalista Pier Paolo Petino servono contributi economici e sgravi fiscali per le start-up di cooperative o piccole società organizzate da lavoratori licenziati da aziende che hanno cessato l’attività.

Per il Coordinamento giornalisti precari è necessario che venga applicata a livello regionale la legge sull’equo compenso e la carta deontologica di Firenze contro lo sfruttamento. “Questo tavolo – dice l’assessore Nappi – serve a fare sistema in questo momento di crisi. Si tratta di realtà importanti che danno voce al nostro territorio, un patrimonio assoluto per la nostra terra”.

Lascia un Commento