Campania, dossier Ispra sul rischio idrogeologico. A rischio il 93% della popolazione

Italia sempre più a rischio di dissesto idrogeologico: il 91% dei Comuni e oltre 3 milioni di famiglie in zone “ad alta vulnerabilità”. E’ la fotografia scattata dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) nella seconda edizione del rapporto ‘Dissesto idrogeologico in Italia’. Per ciò che riguarda la valutazione della pericolosità da frana, i valori più elevati si registrano in Valle d’Aosta, in Provincia di Trento, in Campania, Molise, Abruzzo, Toscana, Emilia-Romagna e Liguria.  

In Campania, il 19,6% del territorio è considerato a pericolosità da frana elevata e molto elevata. Va lievemente meglio per il rischio idraulico conseguente ad alluvioni. In Campania, infatti, il territorio a rischio per conseguenza di un alluvione supera di poco il 5%. Dati assolutamente da non sottovalutare. Soprattutto sul fronte frana e quindi fragilità del territorio. In totale, su 550 comuni campani, ben 512 sono a rischio frana per un totale del 93% della popolazione campana.

Lascia un Commento