CAMPANIA – Costi della politica, Caldoro crede nella correttezza dell’uso dei fondi

Il governatore della Campania Stefano Caldoro difende l’operato dei consiglieri regionali che in 57 sono indagati nell’inchiesta della procura di Napoli sui costi della politica. Caldoro, che è tra i 61 consiglieri eletti, ma non è indagato, si dice convinto e senza dubbi “che ci sia generalmente una correttezza nell’uso dei fondi”. “Se ci sono stati casi di uso non corretto va accertato – ha poi precisato Caldoro – ma escludo che questo abbia prodotto un fenomeno esteso illegale”. Il governatore campano ricorda che nel diritto italiano ci sono solo responsabilità individuali di tipo penale poi ci sono le responsabilità politiche generali su come si usano i fondi pubblici e questa è una responsabilità che bisogna prendersi. Caldoro ha rimarcato che “la Campania ha dimostrato che questo Consiglio regionale è stato il più attento alla riduzione dei costi della politica”, attraverso azioni molto incisive che sono state fatte ora e non nel passato.

Lascia un Commento