CAMPANIA – Commercio e grande distribuzione, nuove regole

Le tematiche relative ai centri commerciali e grande distribuzione in Campania per avviare una politica organica in materia sono state esaminate in un incontro ieri tra l’assessore al Lavoro della Regione Campania Severino Nappi, il consigliere del presidente Caldoro alle Attività Produttive Fulvio Martusciello, i sindacati e le associazioni di categoria del commercio e del terziario.
Si è partiti dai dati che vedono in Campania la presenza di 99 Centri commerciali, di cui 23 nella provincia di Salerno e 42 nella provincia di Napoli che danno lavoro a circa 330mila persone, pari al 21,8% del totale degli occupati della Regione. Tuttavia negli ultimi anni, in Campania, si è contestualmente assistito alla nascita e alla chiusura di grossi centri commerciali e catene di distribuzione, in un processo che ha coinvolto migliaia di lavoratori, in assenza di un governo dei flussi occupazionali, in grado di contrastare fenomeni speculativi e criminalità organizzata. Il risultato è che oggi abbiamo, per un verso, molti lavoratori licenziati o in cassa integrazione e, per l’altro, nuove iniziative commerciali che aprono senza nemmeno pensare di assorbire quegli stessi lavoratori. Per fronteggiare questo fenomeno durante la riunione di ieri è stato deciso di tracciare una road map che impegnerà Regione e parti sociali nei prossimi mesi.

In relazione alla nuova legge sul commercio, si pensa di adottare una legge organica e di sistema sul commercio e la grande distribuzione in Campania, con il medesimo percorso già sperimentato con successo per le leggi sull’apprendistato e la cooperazione. Intanto, per i prossimi 3 mesi, e comunque sino all’approvazione del nuovo testo di legge, sarà temporaneamente sospeso, così come concordato con le parti sociali, il rilascio di nuove licenze per i centri commerciali e la grande distribuzione.

Lascia un Commento