CAMPANIA – Botti, legambiente lancia l’allarme per quelli low cost

Legambiente Campania lancia l’allarme sui botti a basso costo. In tempo di crisi infatti i venditori abusivi di fuochi propongono pezzi artigianali a basso costo, ma ancora più pericolosi del solito. Dal 2008 al 2012, secondo i dati della polizia di Stato elaborati da Legambiente, in Campania sono stati 573 i feriti e 4 i morti a causa dei botti, cinque quelli in tutta Italia. L’età più colpita dal fenomeno dei botti illegali è quella compresa fra gli 11 e i 14 anni, mentre le parti del corpo maggiormente danneggiate sono la mano destra e gli occhi. Michele Buonomo, presidente Legambiente Campania, ricorda che il mercato dei fuochi alimenta anche la criminalità con un grosso giro d’affari considerando che investendo 10 euro se ne ricavano da 100 a 300 euro.

Lascia un Commento