CAMPANIA – Ambiente, protocollo geologi-Legambiente

Ordine dei geologi della Campania e Legambiente hanno siglato un protocollo d’intesa per promuovere insieme l’attuazione delle attività e degli interventi necessari a salvaguardare l’incolumità dei cittadini campani che vivono in aree ad alta criticità idrogeologica nonché la definizione delle più efficaci strategie di contrasto della problematica. Il presidente dell’Ordine dei geologi campani Francesco Peduto ha annunciato per il 9 marzo un incontro a Salerno, nella sede della Provincia, per parlare anche di un’intesa con gli ingegneri e con Regione Campania che prevede l’istituzione di presidi territoriali preventivi. Secondo Peduto, potrebbe essere questa una vera svolta che consiste nel rendere attivi i presidi prima e non solo durante un’emergenza.

Michele Buonomo, presidente di Legambiente, ha evidenziato che in Marocco ci sono più geologi negli enti pubblici di quanti ne siano in quelli italiani, mentre in Francia c’é proprio la figura del geologo comunale. Eppure in Italia è forte il dissesto idrogeologico. Nella sola Campania sono ben 504 i comuni in cui sono presenti zone ad elevata criticità e oltre 1 milione e 100mila le persone che vivono in aree ad elevato rischio idrogeologico, mentre sono 187mila gli edifici presenti in aree ad elevato rischio.

Lascia un Commento