Campagna antinfluenzale in Campania, i consigli per la vaccinazione

L’epidemia influenzale 2017 è meno aggressiva rispetto agli ultimi anni ma per le categorie a rischio la vaccinazione resta il miglior strumento di prevenzione, soprattutto per gli ultrasessantacinquenni, per coloro che svolgono servizi pubblici e per i portatori di malattie croniche di qualsiasi età, come per esempio i diabetici, i cardiopatici e le persone con disturbi respiratori, quali asma e bronco-pneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), che se contagiati possono andare incontro a serie complicanze.

Tutti questi soggetti “fragili” possono vaccinarsi gratuitamente, come previsto dal Piano Nazionale Prevenzione Vaccini, e accedere pertanto facilmente a questa efficace arma di prevenzione nell’ottica di migliorare la propria copertura vaccinale ancora lontana dall’obiettivo del Ministero della Salute di estenderla almeno al 75 per cento dei soggetti a rischio.

Abbiamo fatto un bilancio con la Prof.ssa Maria Triassi, direttore del Dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica all’Università Federico II di Napoli

prof Triassi su vaccini

Lascia un Commento