Camerota, blitz delle forse dell’ordine nell’ambito del piano “Spiagge sicure”

Blitz questa mattina in località Mingardo a Marina di Camerota di carabinieri e vigili urbani, con la Capitaneria di Porto degli Uffici di Palinuro e Camerota, per il sequestro di centinaia di oggetti contraffatti e per lo sgombero della pineta per garantire pulizia e sicurezza lungo il litorale, nell’ambito del piano “Spiagge sicure”, per il quale il comune ha ottenuto un finanziamento di 50mila euro.

In piena zona Sic (Sito Interessa Comunitario) è stato sgomberato un accampamento dove vivevano circa 15 extracomunitari, a pochi passi dalla spiaggia della Cala del Cefalo, dove sono stati trovati costruzioni in legno, materassi, bombole del gas, tende, pentole e tutto l’occorrente per poter sopravvivere. Inoltre diversi venditori ambulanti sono stati identificati e la merce è stata sequestrata.

Nei giorni scorsi la Capitaneria di Porto di Marina di Camerota ha liberato duemila metri quadrati di spiaggia dagli ombrelloni «selvaggi» lasciati dai turisti dopo il tramonto a pochi metri dal mare per garantirsi il posto. I controlli continueranno anche nei prossimi giorni.

Lascia un Commento