Calcio, 23 anni senza Ago

Agostino Di Bartolomei

30 maggio 1994, una giornata che i tifosi della Salernitana, della Roma, del grande calcio, non dimenticheranno facilmente.

Quella mattina di 23 anni fa, Agostino Di Bartolomei, uscì sul terrazzo di casa, a San Marco di Castellabate e con un colpo di pistola mise fine alla sua vita. La notizia si diffuse immediatamente e dal piccolo centro cilentano arrivò alla Capitale dove Ago aveva giudato i giallorossi, da capitano, al trionfo dello scudetto nel 1983. Arrivando l’anno successivo, il 94 anche a giocare la finale di Champions (persa con il Liverpool proprio all’Olimpico n.d.r) 

La carriera di Di Bartolomei è costellata di grandi successi, non solo con la Roma ma anche con il Milan e con la Salernitana che portò anche della promozione in serie B nella splendida cavalcata del ’90.

Pochi secondi, una drastica decisione e se andò in silenzio, come era nel suo stile. Aveva 39 anni.
Dopo la tragedia si disse che l’insano gesto era maturato in un periodo di profonda depressione. Ago, accusava il mondo del calcio di averlo dimenticato.

Lascia un Commento