Cadavere di donna a Salerno, era una giovane prostituta

E’ stata identificata la donna trovata morta ieri pomeriggio a Salerno in un terreno in via dei Carrari, nella zona industriale. Si tratterebbe di una giovane 20enne, di origini ucraine: Mariana Szekeres, prostituta scomparsa dallo scorso primo maggio. Le modalità dell’omicidio sarebbero le stesse con cui meno di cinque mesi fa fu uccisa Alina Roxana Ripa, 34 anni, anche lei prostituta arrivata dall'Est europeo. 

Ieri pomeriggio, intorno alle ore 16, il corpo di Mariana confuso tra terra e vegetazione è stato ritrovato da un uomo in cerca di asparagi, proprietario del fondo. La donna era svestita, i pantaloncini e gli slip abbassati sulle gambe, il resto del corpo coperto solo da un reggiseno. Non è sicuro che l'omicidio sia avvenuto nello stesso luogo dove è stato ritrovato il cadavere. 

I poliziotti della Squadra Mobile di Salerno continuano a raccogliere elementi e testimonianze, e hanno riascoltato ieri sera le prostitute che due settimane fa avevano segnalato la scomparsa della 20enne. Sarebbero due le piste battute dagli investigatori: quella di un serial killer, un maniaco che da cliente si trasforma in assassino; e l'altra di una guerra per il controllo della prostituzione. Altri elementi potrebbero emergere nei prossimi giorni, dopo che il medico legale procederà all'esame autoptico dei tessuti. 

Due episodi molto inquietanti che creano non poca preoccupazione. Li abbiamo commentati con un esperto penalista, l’avvocato Michele Sarno, presidente della Camera Penale di Salerno, nostro ospite questa mattina a Radio Alfa. 

 

Riascolta l'intervista QUI

Michele Sarno su omicidio prostitute

Lascia un Commento