Buonabitacolo (SA) – Morte 22enne, per il sindaco un episodio assurdo

“Quella del 22enne di Buonabitacolo è una morte assurda che colpisce profondamente l’intera comunità”. E’ quanto afferma il sindaco del comune del Vallo di Diano, Beniamino Curcio, in merito alla morte di Massimo Casalnuovo, il giovane deceduto sabato sera cadendo con la sua Vespa ad un posto di controllo dei Carabinieri nel centro del paese. “Massimo, continua il sindaco, era conosciuto da tutti ed era un bravo giovane, dedito al proprio lavoro. In questo momento ci stringiamo tutti intorno alla sua famiglia”. Quanto alle responsabilità per l’accaduto il sindaco di Buonabitacolo afferma: “Personalmente non mi esprimo sulla dinamica dell’incidente perché sono ancora in corso gli accertamenti della magistratura”. Da una prima ricostruzione dei fatti si è saputo che Massimo Casalnuovo, a bordo della sua Vespa senza casco, non si sarebbe fermato all’alt dei militari e avrebbe continuato la sua corsa aumentando la velocità fino a perdere il controllo dello scooter e finendo rovinosamente sul fondo stradale sul quale è slittato per un centinaio di metri, riportando ferite mortali. La Polstrada continua le sue i indagini anche sulla violenta protesta attuata da molti cittadini contro i carabinieri che accusano di aver causato la morte del giovane meccanico facendogli perdere, secondo la loro versione, il controllo della Vespa dopo averlo colpito con un calcio.

Lascia un Commento