Buccino (SA) – 250 operai della C.M. chiedono di lavorare, il presidente li rassicura

Presidio questa mattina sotto la sede della Comunità Montana Alto e Medio Sele, a Buccino, del sindacato e di una 70ina di operai idraulico-forestali a tempo determinato, una parte dei 260 lavoratori a tempo determinato impiegati dall’ente montano. Questi lavoratori con il sostegno del segretario provinciale della Fai-Cisl, Aniello Garone, chiedono di lavorare e di compiere almeno 102 giornate, sfruttando risorse provenienti da fondi europei per un ammontare di 1,9 milioni di euro, che sarebbero nella disponibilità della Comunità Montana, ma che non verrebbero utilizzati per motivazioni, che ha detto il segretario Garone, sono solo di natura burocratica.
La Comunità Montana di Buccino è in attesa della delibera della Regione Campania che stabilisce il riparto di 60 Mln di euro tra tutti gli enti montani della Campania. E questa mattina dopo un incontro tra il sindacato e una delegazione dei lavoratori con il presidente dell’Ente Giovanni Caggiano, lo stesso presidente a Radio Alfa ha annunciato che gli operai potranno riprendere il lavoro nei cantieri della Forestazione, probabilmente dalla metà della prossima settimana.

Lascia un Commento