Blitz sul Lungomare di Salerno, 17 in manette con l’ “arresto ritardato”. L’intervista

Torniamo sul blitz antidroga che ha smantellato una piazza di spaccio sul lungomare di Salerno. La Squadra Mobile della Questura di Salerno ha eseguito 17 arresti nei confronti di cittadini extracomunitari accusati di spaccio continuato di sostanze stupefacenti.

Le attività di indagine sono state avviate a febbraio dopo l’arresto di cittadini di nazionalità gambiana sul lungomare e le ripetute segnalazioni dei cittadini.

Le indagini hanno permesso di accertare la presenza di un gruppo di stranieri che durante la giornata effettuavano molteplici vendite di sostanze stupefacenti nei confronti di numerosi acquirenti. Si è appurato che tra i clienti vi fossero anche alcuni minorenni e che le attività di spaccio si intensificavano soprattutto nel fine settimana.

L’operazione però ha anche un’altra particolarità: per la prima volta a Salerno è stato utilizzato l’arresto ritardato per questo tipo di operazioni.

Uno strumento che concede agli investigatori la possibilità di individuare e acquisire ulteriori e rilevanti elementi probatori per catturare i responsabili in maniera massiccia.

Al microfono della nostra Barbara Albero, il procuratore aggiunto di Salerno Luca Masini ha spiegato di cosa si tratta  

Masini su arresti Lungomare

Lascia un Commento