Beni confiscati, a Nocera Inferiore fondi per interventi su due beni immobili

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Fondi per 76mila euro al Comune di Nocera Inferiore dalla Regione Campania allo scopo di effettuare interventi di recupero dei beni confiscati alla camorra. Si tratta del 30% dell’importo complessivo rimodulato del progetto che è di circa 250mila euro.

 

Con la liquidazione dei 76mila euro dell’ultimo decreto si è a metà dell’importo rimodulato dal Comune per la riqualificazione di due complessi immobiliari: una villa al Parco di Luggo e un attico al Parco Franca di via Fucilari. Il Comune nocerino aveva già impegnato e liquidato una prima tranche di 36mila euro e una seconda di altri 25mila euro circa. 

La villa al Parco di Luggo è appartenuta a Mario Pepe, mentre gli appartamenti di via Fucilari sono stati confiscati a Salvatore Di Maio. La riqualificazione è in corso già da qualche mese. Nell’ex villa Pepe, è previsto un centro di assistenza per le famiglie in difficoltà. Più lunghi invece i lavori per il Parco Franca di via Fucilari. È un edificio di notevole grandezza che sarà diviso in due parti, con il Comune che proverà a dare una risposta all’emergenza abitativa delle famiglie nocerine. Il costo complessivo dell’intervento è stato finanziato con fondi europei, di cui una parte già liquidata dalla Regione Campania. Rientrano negli immobili in disponibilità al patrimonio dell’Ente anche 21 garage in via Angioini, beni confiscati a Macario Mariniello. 

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Lascia un Commento