Bene confiscato alla camorra dedicato al cuoco di Pagani ucciso nel 1978

Un bene confiscato alla camorra dedicato al sindacalista e cuoco paganese, Antonio Esposito Ferraioli.

Ad Afragola è nata la “Masseria Antonio Esposito Ferraioli”, intitolata al giovane sindacalista della Cgil e cuoco della Fatme ucciso dalla camorra il 30 agosto 1978 in via Zito a Pagani

La masseria è di 14 ettari con fabbricato annesso di circa 900 mq

Il bene confiscato è stato assegnato ad un’associazione temporanea di scopo formata da cinque partner: il consorzio di cooperative sociali “Terzo Settore”, con un’importante esperienza nella gestione di servizi sociali in favore di anziani, diversamente abili e donne vittime di violenza; la CGIL dell’area metropolitana di Napoli; l’associazione di volontariato “Sott’e’ncoppa”; la cooperativa sociale “L’uomo e il legno”; la cooperativa “Radio Giancarlo Siani”.

Obiettivo principale sarà realizzare un’azienda agricola che valorizzerà le eccellenze agricole del territorio, uno spazio per congressi e iniziative, un laboratorio di trasformazione dei prodotti agricoli e un ristorante dedicato anch’esso alla memoria di Antonio Esposito Ferraioli.

Lascia un Commento