Battipaglia, uccise Natalino Migliaro. Pena diminuita in appello per il killer

E’ stato riammesso al rito abbreviato, Ionut Alexa, il 33enne rumeno condannato nel gennaio del 2017 all’ergastolo per la morte di Natalino Migliaro (nella foto) e per aver violentato la sua ragazza. Una decisione dei giudici della Corte d’Assise di Salerno, che in Appello, hanno rimodulato la pena a carico dell’assassino condannandolo a 20 anni di carcere, applicando la diminuente del rito, pari ad un terzo della pena.

I fatti risalgono al 5 ottobre del 2015 quando Natalino Migliaro e la fidanzata, appartati in auto nella zona tra l’Aversana e la località Lido Lago, furono improvvisamente aggrediti da due uomini incappucciati.

Natalino fu trascinato fuori dall’abitacolo e picchiato a sangue, poi gli aggressori violentarono la ragazza.

Ionut Alexa fu riconisciuto solo attraverso l’esame del Dna.

I parenti della vittima e della ragazza si sono costituiti parte civile nel processo, ed è stato riconosciuto loro il diritto al risarcimento dei danni da stabilirsi in sede civile.

Lascia un Commento