Battipaglia: Trasporto pubblico, tavolo comune per salvaguardare il settore

Si è parlato di viabilità e dei tagli al trasporto pubblico locale nel corso di un seminario organizzato dall’associazione Comunità Storia e futuro, nel corso del quale è emerso che a Battipaglia nessuno si è mai occupato di mobilità. Questa è l’opinione del presidente dell’associazione, Pietro Ciotti, per il quale il nodo centrale dei trasporti trova nella Piana del Sele e nella seconda città più grande della provincia, Battipaglia, un punto debole per l’inesistenza di una rappresentanza politica. Ciotti ha chiamato le istituzioni, in particolare l’assessore provinciale, Michele Cuozzo, l’assessore comunale ai Trasporti di Salerno, Luca Cascone, il commissario del Cstp, Raimondo Pasquino, chiedendo loro di assicurare attenzione anche per Battipaglia. “Una città ancor più mortificata – dice Ciotti – da un commissariamento che durerà, a quanto sembra, ancora a lungo”. Nel corso del seminario, dall’assessore Cascone è giunta la proposta di aprire un tavolo di confronto unitario in un settore che conta 53 aziende, grandi, medie e piccole e duemila addetti in provincia di Salerno. “Partendo dal Cstp – ha detto Cascone – apriamo un tavolo provinciale sul Traposto pubblico locale che possa contribuire a razionalizzare corse e percorsi, consociare le aziende in vista delle gare che sembrano imminenti per l’affidamento del servizio di trasporto”. 

Lascia un Commento