Battipaglia: Suicidio donna incinta, arrestati i due cognati indiani

Due coniugi di nazionalità indiana, residenti a Battipaglia, sono stati arrestati dagli uomini della Polizia di Stato del locale commissariato di pubblica sicurezza in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emesse dal GIP del tribunale di Salerno. I due sono ritenuti responsabili di maltrattamenti nei confronti della cognata, una cittadina indiana, domiciliata a Battipaglia, morta suicida lo scorso gennaio dopo essersi lanciata nel vuoto da una finestra dell’edificio dove abita la coppia di connazionali arrestati, suoi cognati.
Le indagini svolte dai poliziotti battipagliesi e coordinate dalla Procura della Repubblica di Salerno, Sostituto Procuratore Elena Guarino, hanno consentito di accertare le vere cause dell’estremo gesto. La vittima, infatti, aveva subito una serie di vessazioni psicologiche che l’avevano sottomessa al volere dei due familiari riducendola in uno stato di assoluta dipendenza.
I poliziotti hanno anche accertato che uno dei due coniugi aveva abusato sessualmente della cognata, filmando le fasi dei rapporti intimi al fine di ricattarla e costringerla a continuare a sottostare ai suoi desideri sessuali.

Lascia un Commento