Battipaglia, presidio dei lavoratori Treofan in attesa di conoscere il loro futuro lavorativo

Natale amaro per i dipendenti della Treofan di Battipaglia che attendono di conoscere il piano industriale e quindi il futuro dello stabilimento battipagliese che la famiglia De Benedetti ha ceduto al gruppo indiano Jindal. I nuovi proprietari venerdì scorso hanno annullato la partecipazione al vertice presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

In attesa della fissazione di un altro incontro a Roma, forse entro a inizio anno, i lavoratori hanno organizzato un’assemblea ed un sit-in in azienda. Contestano le politiche finanziarie che non tengono conto della produttività locale ma puntano solo alla riduzione dei costi e a massimizzare al massimo gli utili e quindi sono disposti a smantellare e a trasferire anche all’estero la produzione.

I lavoratori Treofan di Battipaglia in una nota dichiarano di essere ancora più uniti e compatti insieme alle loro famiglie, per urlare a tutti il Diritto al Lavoro. “Abbiamo solo voglia di produrre ricchezza per questa nazione, per questa regione, per questo comune! Ridateci la resina!! Noi siamo pronti a ripartire!!”, dicono a gran voce. 

Lascia un Commento