Battipaglia – Maxi sequestro nelle acque antistanti il Comune

Il personale della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Salerno ha eseguito un importante sequestro di un intero impianto abusivo destinato alla mitilicoltura situato nelle acque antistanti il Comune di Battipaglia e gestito da una famosa ditta salernitana che opera nel settore del commercio di prodotti ittici.

L’impianto sequestrato si estende su di un’area di complessivi 2.500.000 mq. tutti sottoposti a sequestro, di cui un milione e mezzo di metri quadri occupati abusivamente. All’interno dell’impianto erano presenti numerosissimi filari sui quali in particolare venivano coltivate cozze per una quantità di diverse migliaia di chili. In seguito ad accertamenti, la Capitaneria di Porto ha accertato che la ditta in questione aveva abusivamente circoscritto l’immensa area destinata alla coltivazione di filari di cozze mediante l’installazione di 4 boe di segnalamento marittimo poste a delimitazione ed interdizione dell’area.

Il personale della Guardia Costiera ha rilevato che l’attività era in pieno esercizio, ed erano presenti diverse tonnellate di cozze pronte per essere raccolte e destinate al mercato interno. Incredibilmente, l’attività veniva esercitata in acqua non sottoposta ad analisi e dunque i prodotti non potevano essere destinati alle tavole dei salernitani.

Lascia un Commento