BASILICATA – Nesuna criticità inquinante legata all’estrazione del greggio

La Basilicata non rilascerà nuove concessioni per la ricerca e l’estrazione di petrolio nel Parco della Val d’Agri. Lo ha affermato oggi a Potenza, il presidente della giunta regionale della Basilicata, De Filippo, nel corso di un incontro a cui sono intervenuti anche gli assessori regionali all’ambiente e alla sanità. E’ stato spiegato che sul territorio "non esistono criticità inquinanti legate all’estrazione del greggio" e i dati relativi alle patologie tumorali sono inferiori alla media nazionale ma il "sistema di monitoraggio" sarà incrementato e perfezionato per la sicurezza della comunità lucana. L’assessore all’ambiente Santochirico ha affermato che i tre pozzi ricadenti nel territorio del Parco della Val D’Agri erano previsti da accordi precedenti l’istituzione dell’area protetta. Per quanto riguarda i tumori, la Val d’Agri, ha precisato l’assessore alla sanità, Potenza ha un’incidenza statistica, inferiore a quella della regione.

Lascia un Commento