Baronissi (SA) – Si valuta l’ipotesi di apertura pomeridiana dell’Ufficio Postale del capoluogo

Dopo la nota inviata dall’Amministrazione comunale, nella persona del vicesindaco Anna Petta, che evidenziava i disservizi dell’ufficio postale di Baronissi, arriva la riposta dell’Ufficio centrale di Roma di Poste Italiane. Una lunga comunicazione, indirizzata al vicesindaco, nella quale si fa riferimento all’organizzazione dei tre uffici postali di Baronissi, Acquamela e Saragnano che insistono sul territorio comunale. Un dato significativo emerge per quanto concerne l’ufficio postale di Baronissi, infatti "tenuto conto dell’incremento demografico che ha subito al zona negli ultimi anni, le strutture territoriali stanno valutando l’opportunità di inserire il suddetto ufficio postale tra le candidature per l’apertura anche nel turno pomeridiano". Le Poste hanno quindi accolto la posizione portata avanti con forza dal vicesindaco che già si era fatta promotrice di una petizione popolare per l’apertura pomeridiana dell’ufficio postale,che contava più di mille firme. "E’ un grande passo avanti per la nostra comunità – afferma il vicesindaco Anna Petta- i problemi dei disservizi collegati all’ufficio postale creano dei forti disagi alla nostra popolazione e faremo di tutto, come istituzione, per risolvere questa gravosa ed inaccettabile situazione. Sono soddisfatta, perché la direzione centrale delle poste italiane ha compreso, dopo numerose sollecitazioni, la necessità per il nostro territorio di prolungare l’apertura dell’ufficio postale anche nell’orario pomeridiano". "Sicuramente questo è un dato positivo – conclude il vicesindaco Anna Petta – continueremo a lavorare affinché si possa arrivare con l’azienda Poste Italiane ad una soluzione condivisa che dia una risposta concreta e definitiva ai nostri cittadini".

Lascia un Commento