Baronissi (SA) – Le buone e cattive abitudini dei cittadini. Il resoconto della Polizia Municipale

Mille veicoli controllati, 185 verbali elevati in posti di blocco e 1785 su scala complessiva, 100mila euro le sanzioni amministrative l’ammontare totale emesso e 50mila quello già incassato, 636 le multe per divieto di sosta e 65 per guida con chiacchierata al cellulare, 140 gli incivili della raccolta differenziata pizzicati a gettare sacchetti. Sono solo alcuni dei dati del rendiconto annuale (periodo di riferimento Gennaio-Ottobre 2010) della polizia municipale delineati questa mattina in conferenza stampa. Numeri rispetto ai quali emerge un dato su tutti: solo il 30% dei trasgressori è residente a Baronissi. E così la città si scopre ancora una volta virtuosa. Soprattutto attraverso quest’ultimo chiaro indicatore di civiltà che aiuta a tracciare l’identikit del trasgressore "straniero", ovvero proveniente sia dai comuni limitrofi che dal resto della provincia di Salerno. Ma la polizia municipale, nel periodo di riferimento gennaio-ottobre, è riuscita a fare anche di più, offrendo un quadro numerico di altri parametri di lettura: quante multe sono state apposte sul parabrezza in poco meno di un anno? Quali i reati al codice della strada più gettonati? E chi è il trasgressore tipo pizzicato dai vigili urbani di Baronissi? Quanti ricorsi in prefettura e quanti al giudice di pace? A dare una "lettura" di questi numeri è stato, questa mattina, il sindaco Giovanni Moscatiello insieme all’assessore alla Viabilità Antonio D’Auria ed il tenente Giovanni Napoli. Le strade più controllate sono state via dei Greci, via Ferreria, corso Garibaldi, piazza della Repubblica, via S.Allende, via Agnelli, via dei Due Principati, via S.Andrea, via Mazzini. I posti di blocco effettuati nelle arterie più controllate sono stati 154, con oltre 1000 veicoli ispezionati e 185 verbali elevati. I ricorsi inoltrati alla Prefettura sono stati 9, mentre appena 4 quelli indirizzati al Giudice di Pace. Ottanta gli incidenti stradali rilevati.

Lascia un Commento