Baronissi (SA) – Guerra ai piccioni, ordinanza del sindaco

Il Comune di Baronissi come Venezia dichiara guerra a piccioni e con un’ordinanza il sindaco Giovanni Moscatiello ha previsto multe fino a 500 euro per i trasgressori. “I piccioni portano malattie e deturpano il decoro urbano”, dichiara il sindaco che vieta di dar da mangiare ai volatili, con obbligo di schermare le abitazioni per evitare le nidificazioni.  Niente cecchini assoldati per far fuori le colonie di uccelli com’è accaduto, ad esempio, a Lecco e Como, ma nel provvedimento del sindaco di Baronissi, si elencano le disposizioni per quei cittadini che sono alle prese con nidificazioni in casa.

Lo sfratto dei volatili da cornicioni, terrazzi, pensiline e davanzali sarà possibile grazie all’installazione di «dissuasori sui punti di posa» abituali punti di stazionamento e, in ogni caso, sarà cura del proprietario dell’immobile provvedere, sempre e comunque, a «mantenere sempre pulite da guano o piccioni morti le aree private e le strutture imbrattate».

Lascia un Commento