Baronissi, comune pronto a dare degna sepoltura alla migrante Marittima

Il comune di Baronissi è pronto a dare degna sepoltura a “Marittima”, la migrante 19enne che dal 2016 si trova in una cella frigorifera dell’Ospedale Ruggi di Salerno. La donna era sbarcata senza vita al porto di Salerno assieme a 980 sopravvissuti alla fuga dalla Siria. Alla donna fu dato il nome di Marittima: “donna che viene dal mare”.

Il sindaco Gianfranco Valiante ha contattato Don Marco Russo, direttore della Caritas Diocesana – che da tempo chiede venga data sepoltura alla ragazza sbarcata morta due anni fa – dicendosi pronto ad ospitarla al cimitero di Baronissi. “Dare un nome agli invisibili è un’opera di pace e di civiltà – sottolinea Valiante – Baronissi è pronta ad accogliere la salma di Marittima per cancellare la disumanità a questo corpo, senza nome, custodito con un numero in una cella di ospedale. Auspichiamo il superamento di ogni intoppo burocratico per porre fine ad una vicenda paradossale”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento