Baronissi, colpi di pistola contro un meccanico. Ucciso forse dopo una lite

Ci sarebbe stata forse una lite e poi colpi di pistola sparati al lato sinistro, quindi per uccidere. E’ quanto accaduto questa mattina a Baronissi, nella popolosa frazione di Sava, in via Trinità.

La vittima, 63 anni, Biagio Capacchione, è uno dei titolari della Cimep, officina meccanica situata nella zona industriale di Fisciano. 

L’uomo è stato raggiunto da almeno due colpi di arma da fuoco al lato sinistro del corpo. La vittima è giunta ancora viva, in gravissime condizioni in ospedale al Ruggi, dove poi è deceduto per la gravità delle ferite. 

Sul posto il 118 e i Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino che indagano per risalire all’identità della persona che ha premuto il grilletto.

A quanto pare, la vittima, prima di morire, avrebbe fatto il nome del suo assassino, che risulta al momento in fuga. 

Aggiornamento 11:50 – Ritrovata l’auto dell’omicida in una zona alta della città di Baronissi. Le ricerche dei Carabinieri continuano a piedi 

Aggiornamento 13,45 –  L’omicida è un 53enne, amico da sempre, prima suo socio e ultimamente concorrente in affari. Prima di morire Capacchione è riuscito a fare il nome del suo omicida alla moglie. Ora sono in corso le ricerche del 53enne che ha lasciato la sua vettura nella frazione montana di Caprecano. Sul posto i Carabinieri forestali che stanno cercando l’assassino. Non si esclude un caso di omicidio suicidio. In mattinata sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco Valiante che ha fatto delle dichiarazioni.

Aggiornamento 14,40 –  Arriva la svolta. E’ stato ritrovato vivo anche se in stato confusionale, il meccanico 53enne che avrebbe sparato e per conseguenza ucciso, Biagio Capacchione, 63enne meccanico anche lui, in una strada della frazione di Sava, la zona più popolosa della città della Valle dell’Irno. L’uomo aveva tentato di far perdere le proprie tracce rifugiandosi in una zona montana della frazione di Caprecano

Ascolta una testimonianza raccolta sul posto
Testimonianza Baronissi omicidio

Gianfranco Valiante


Lascia un Commento